Pizza Planet

PIANETA PIZZA, la “Cultura” e la “Storia” della Pizza, è un progetto editoriale e di marketing diviso in diversi comparti: il grano (la farina), il pomodoro, la mozzarella di bufala DOP, l’olio extravergine d’oliva, i forni e le tecnologie, creato per promuovere e valorizzare la conoscenza della pizza e dei suoi componenti. La missione è quella di spingere all’utilizzo di materie prime di buona qualità, affinché si realizzi un ottima pizza.

Tra le innumerevoli industrie di conserve di pomodoro, è stata scelta la nostra piccola azienda artigianale per rappresentare la qualità e l’eccellenza del pomodoro italiano, lavorato seguendo la tradizione campana per ottenere un prodotto genuino come fatto in casa.

Siamo onorati di entrar a far parte di questo progetto e di lavorare al fianco delle più importanti pizzerie storiche di napoli, la patria della pizza. Questa è una grande responsabilità, ma anche una grande occasione per fare la nostra parte nel diffondere le eccellenze dei prodotti alimentari made in italy nel mondo.

Un po’ di storia della Pizza

La pizza ha tremila anni di storia. Nell’antico Egitto era usanza celebrare il genetliaco del Faraone, mangiando una schiacciata condita con erbe aromatiche. In epoca greca, Erodoto tramanda diverse ricette babilonesi che ci riportano a schiacciate e focacce di vario genere. In epoca romana era uso cucinare focacce di farro, infatti, si pensa che la parola farina derivi da farro mentre la parola pizza derivi da pinsa, participio passato del verbo pinsère che significa schiacciare, macinare. Lo stesso Virgilio narra in alcune sue opere, di alcuni contadini che usavano macinare chicchi di frumento, setacciare la farina ottenuta, impastarla con erbe aromatiche e sale, schiacciarla per renderla sottile e darle la forma rotonda e poi cotta al calore delle ceneri del focolare. Le tracce di questo alimento si ritrovano anche in epoca medioevale e rinascimentale dove si rinvengono variazioni culinarie sul tema, sia per il dolce che salato e differenti metodi di cottura. Quindi, possiamo considerare la pizza come alimento tipico delle culture che si sono affacciate sul bacino Mediterraneo. Ma è in un dedalo di vicoli di Napoli che troverà la sua patria.

Due sono gli ingredienti fondamentali: la mozzarella e il pomodoro.
Il primo fu opera dei longobardi, che in seguito alla caduta dell’impero romano, portarono con sé la bufala che una volta ambientatosi tra il Lazio e la Campania, avrebbe fornito il latte per la fabbricazione della mozzarella.
Il secondo fu importato dal Perù in Europa dai colonizzatori Spagnoli e fu prima utilizzato come salsa cotta e poi utilizzata come condimento per la pizza. Dopo le iniziali diffidenze, il pomodoro fece il suo ingresso trionfale nella cucina italiana e in particolare quella napoletana.
La vera pizza napoletana è nata intorno al 1730 nella versione Marinara. Infatti a Napoli iniziano a diffondersi le botteghe specializzate nella preparazione di tale piatto diventando così una pietanza consumata da tutte le classi sociali. Nel 1800 conosciamo la pizza nella versione Margherita che ha preso il nome nel 1889 in occasione di una visita dei sovrani di allora. Infatti, si racconta  che il miglior pizzaiolo dell’epoca: Raffaele Esposito, realizzò per i sovrani d’Italia: Re Umberto I e la regina Margherita, tre pizze:

  • pizza alla mastunicola (strutto, formaggio, basilico)
  • pizza alla marinara (pomodoro, aglio, olio, origano)
  • pizza pomodoro e mozzarella (pomodoro, olio, mozzarella, basilico)

La sovrana apprezzò così tanto quest’ultima da voler elogiare l’artefice dando il suo nome alla creazione culinaria e da allora ecco la nascita della “Pizza Margherita”.
Fino al 1900 la pizza e le pizzerie rimangono un fenomeno prettamente
napoletano, poi dopo la seconda guerra mondiale e sull’onda dell’emigrazione che la pizza esce dai confini del meridione per sbarcare al Nord e all’estero, diventando così un fenomeno mondiale. Ora come ora è amata da tutti, grandi e piccini, dall’Europa all’America al Giappone ed è possibile gustarla anche nei migliori ristoranti.